ENZO NAPOLITANO NEWS

la Campania che non conosci

Maddaloni, ancora un traguardo raggiunto alla clinica “San Michele”

Posted by enzonapolitano su 16 aprile, 2013

OspedaleSi chiama ABSORB BVS ed è un nuovo dispositivo temporaneo per il trattamento della malattia coronarica, in grado di dissolversi gradualmente e completamente nelle arterie offrendo, per la prima volta, la possibilità di guarigione a lungo termine del vaso. Il primo paziente con l’innovativo Stent Coronarico Bioassorbibile è stato trattato qualche giorno fa presso la Casa di cura “San Michele” di Maddaloni (CE). Si tratta di una quarantacinquenne con familiarità positiva per patologie cardiovascolari, che nello scorso mese di gennaio aveva accusato una sindrome coronarica acuta con occlusione trombotica della coronaria destra (culprit lesion) trattata con stenting tradizionale e che presentava anche un’arteria interventricolare anteriore sub occlusa in più punti con necessità di impianto di stent riassorbibile per la diffusione delle lesioni coronariche. È partito, infatti, in Italia, in questi mesi, lo studio ABSORB EXTEND, che ha come obiettivo quello di analizzare in maniera più approfondita le prestazioni della Tecnologia vascolare bioassorbibile (BVS – Bioresorbable Vascular Scaffold). Il dispositivo cardiaco BVS è stato disegnato per ripristinare il flusso di sangue espandendo i vasi occlusi, agendo da ‘intelaiatura’ di supporto mentre il vaso stesso guarisce.I risultati generati dal precedente studio ABSORB si sono rivelati davvero notevoli, e la possibilità di sbloccare in maniera efficace un’arteria occlusa, senza dover lasciare per sempre un dispositivo metallico impiantato nel vaso, ha sicuramente destato un grandissimo interesse da parte dei medici. Anche i pazienti manifestano grande interesse, poiché tale dispositivo è riassorbito dall’organismo dopo la guarigione del vaso coronarico e non rimane in modo permanente nel vaso stesso, come avviene con gli stent metallici. Pertanto, la tecnologia BVS può davvero rivoluzionare il trattamento dei pazienti affetti da coronaropatie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: