ENZO NAPOLITANO NEWS

la Campania che non conosci

Archive for marzo 2014

Di Maio, 5 Stelle, 80milioni a fondo perduto. E’ l’ultimo treno per le imprese della Campania in difficoltà

Posted by enzonapolitano su 21 marzo, 2014

soldiL’On.Luigi Di Maio vice presidente della Camera dei Deputati (Movimento Cinque Stelle) su Facebook apre una rubrica sulle “cose che non si devono sapere” (di seguito il suo allarme sulla pagina Fb). Tra queste il bando da 80 milioni di euro a fondo perduto per le imprese in difficoltà della Campania. Ma occorre fare presto: i termini per la presentazione scadono il 16 aprile:

“Un bando di 80 milioni di euro a fondo perduto per le imprese che vogliono rinnovarsi. A stanziarli è una circolare del Ministero dello Sviluppo Economico, di quelle che passano sempre sotto silenzio e quindi ne beneficiano sempre i “soliti”. Il M.I.S.E., per chi non lo sapesse, è il Ministero più importante del Governo. Anche più della Presidenza del Consiglio. In quanto eroga i soldi che il Ministero dell’Economia incassa dalle vostre tasse. Con questa circolare (che non compare neanche in Gazzetta Ufficiale) si stanziano A FONDO PERDUTO 80 milioni per le imprese della Campania: rinnovo macchinari, investimenti, etc.
Questo è il link: http://goo.gl/jgVQ4i
Se avete un’impresa in Campania (o conoscete qualcuno che ce l’ha), partecipate al bando. E’ una buona opportunità, per questo poco pubblicizzata”.

LUIGI DI MAIO

SCARICA QUI IL BANDO
PER FARE RICHIESTA DEL CONTRIBUTO
I termini di scadenza sono fissati al 16 aprile

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

A margine del Premio Oscar, “La grande… delusione”

Posted by enzonapolitano su 9 marzo, 2014

Grande bellezzaSe proprio devo essere sincero, a me il film di Sorrentino proprio non è piaciuto, per il contenuto, per la monotonia della narrazione, per un risultato che di certo delude, rispetto alle attese ed all’Oscar che ha ricevuto. Se questa è l’idea che dobbiamo esportare dell’Italia, allora credo che è meglio non proporsi alla ribalta internazionale. Altro che emulazione di Fellini…. Siamo in presenza di un calderone di misogenia spicciola che racconta un’Italia smidollata e priva di qualsiasi ragione etica. Anche Servillo, nella veste di uno stanco istrione (guarda caso napoletano indolente) infastidito dalla vita da ricco, a mio avviso è un vero insulto a tanta gente che, in un drammatico periodo di crisi economica, fa fatica ad andare avanti.
Mi conforta sapere che altri abbiamo aperto gli occhi su un film che senza dubbio non ci rappresenta. Fellini ha raccontato, è vero, un’Italia al tramonto dei suoi valori, ma lo ha fatto con tatto e poi eravano in un contesto storico molto diverso. Questa di Sorrentino non descrive affatto la grande bellezza italiana (neppure con sarcasmo), ma i fantasmi di un mondo che da lungo tempo non vive più. A proposito del film scrive Stenio Solinas: “…quello di Sorrentino è il film più malinconico, decadente e reazionario degli ultimi anni, epitaffio a ciglio asciutto sulla modernità e i suoi disastri”. Sul web il giornalista Donato Faiella afferma: “E’ il referto medico-legale in forma artistica di un Paese morto di futilità e inutilità, con una classe dirigente di scrittori che non scrivono, intellettuali che non pensano, poeti muti, giornalisti nani, imprenditori da buoncostume, chirurghi da botox, donne di professione “ricche”, cardinali debolucci sulla fede ma fortissimi in culinaria, mafiosi 2.0 che sembrano brave persone, politici inesistenti (infatti non si vedono proprio). Una fauna umanoide disperata e disperante che non crede e non serve a nulla, nessuno fa il suo mestiere, tutti parlano da soli anche in compagnia e passano da una festa all’altra per nascondersi il proprio funerale. Si salva solo chi muore, o fugge in campagna. È un mondo pieno di vuoto che non può permettersi neppure il registro del tragico: infatti rimane nel grottesco. Scambiare il film per un inno al rinascimento di Roma (peraltro sfuggito ai più) o dell’Italia significa non averlo visto o, peggio, non averci capito una mazza”.

ENZO NAPOLITANO

Posted in Uncategorized | 1 Comment »