ENZO NAPOLITANO NEWS

la Campania che non conosci

Moiano, bilancio approvato con i soli voti della maggioranza

Posted by enzonapolitano su 26 aprile, 2017

Consiglio comunale lampo a Moiano con. l’assenza di tutti e quattro i consiglieri della minoranza: Giuseppe Amoriello, Antonio Mauro, Salvatore Parrillo e Carmine Viscusi. Eppure si trattava di discutere su due strumenti fondamentali per il lavoro amministrativo da qui ai prossimi tre anni: il Dup e il bilancio di previsione. Un’approvazione passata quindi con i soli voti della maggioranza. Ad illustrare lo schema di bilancio per il periodo 2017-2019 è stato il vicesindaco e assessore al ramo, Lucia Meccariello: “La proposta di bilancio che abbiamo approvato – spiega – rappresenta bene il grande sforzo compiuto da questa amministrazione per raggiungere il pareggio di bilancio senza oneri aggiuntivi per l’ente; un ringraziamento va agli uffici ed al responsabile del servizio finanziario del Comune che ci hanno lavorato da circa due mesi. Nonostante i tagli dal governo centrale, offriremo alla comunità gli stessi servizi erogati lo scorso anno sia in termini di qualità che di quantità e la pressione tributaria per i cittadini resterà tra le più basse”. L’esecutivo guidato dal sindaco, Giacomo Buonanno, conferma lo stesso livello di tassazione per Imu, Tasi ed Irpef. Per quanto riguarda invece la Tari i cittadini pagheranno di meno, in quanto le tariffe sono diminuite rispetto all’anno scorso, in controtendenza rispetto ai comuni viciniori: “Siamo riusciti non solo a non aumentarle, ma addirittura a diminuirle – aggiunge Meccariello – Le utenze domestiche Hanno tutte un segno meno, con un’attenzione maggiore per le famiglie numerose; tutto questo grazie anche ad uno sforzo di equità sociale e ad una maggiore presenza ispettiva dell’ente”. Restano invariati i costi per l’utenza relativa ai servizi a domanda individuale, come lo scuolabus e la mensa scolastica (1,2 euro a pasto per la scuola primaria, 2,5 euro per la scuola media) con una copertura da parte dell’ente del 46,88%. Ma si è lavorato in due direzioni per far quadrare il bilancio: l’altra strada è quella del contenimento dei costi: ridotte le spese di consumo mentre quella per il mantenimento del verde pubblico è passata da 30mila a 16mila attuali. Stesso discorso per la pubblica illuminazione passata ad un nuovo gestore più economico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: