ENZO NAPOLITANO NEWS

la Campania che non conosci

Al Comunale di Airola serata di solidarietà con i bambini di “Jesc’ o sole”

Posted by enzonapolitano su 13 ottobre, 2014

serata bimbiLe aspettative non sono state tradite: spettacolo riuscito in pieno e pubblico, compresi i ragazzi del centro, in visibilio al Teatro comunale di Airola. Scena subito rubata dall’effervescenza de “’E guagliune”, la categoria più giovane dell’associazione “Iesc’ o’ sol’”, con i successi lanciati dallo Zecchino d’Oro anni ’60. Seguiti poi a ruota dalla categoria “Capri”, poco più grandicelli, con i successi evergreen italiani degli anni ’60,’70,’80. Il coro, sempre pronto ad accompagnare la singola performance e a mascherare l’immancabile imbarazzo generato dal quasi “sold out” in sala, è stato magistralmente orchestrato da un’instancabile Rosetta Bove, una “new entry” nello staff dell’associazione paolisana. La stessa maestra, a fine spettacolo, si è augurata che questa collaborazione abbia aperto le porte a future cooperazioni. Al termine del momento canoro, entrambi i gruppi si sono cimentati nelle due coreografie previste da copione. La vivacità e la naturalezza espresse dall’intero corpo di ballo, coordinato da Alina e Stella Martino, Eleonora Pacifico e Fatima Piscitelli, hanno trascinato l’intero pubblico. Autentico successo anche per i ragazzi di “Ad Maiora”. Benché la scelta di affidarsi ai pesi massimi della risata, Totò e De Filippo, abbia rappresentato una sicurezza in termini di feedback positivi, c’era da considerare proprio l’alto tasso di difficoltà di sketch estrapolati dai film “La Lettera” e “Truffa ‘62”. La fantasia e l’estro degli attori in scena ha permesso invece la perfetta riuscita. Il copione è stato in parte rivisitato e in parte improvvisato per renderlo contemporaneo. Completamente improvvisata, invece, la parte “mimata”. La comicità spontanea, a volte poco mimata, ha irretito completamente la sala. Una serata all’insegna del sorriso, dunque, che non si è mai separato dai ragazzi. Tutti insieme, all’unisono, in gruppo, legati da fraterna amicizia e condivisione, per una sera, non di problemi e di difficoltà, ma di una felicità vera, spontanea, per niente forzata. “È vero amore quello che ci spinge – ha commentato il coordinatore del centro diurno Claudio Laudanna – I ragazzi meritano molto di più e noi, tramite un lavoro certosino, nel tempo, speriamo di poterglielo offrire”. Future collaborazioni in vista anche tra le due associazioni fautrici della kermesse. Ad Maiora dunque.

VITTORIO DE CICCO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: