ENZO NAPOLITANO

Storie a un passo dalla vita

Gerardo Del Prete espone a Caserta le sue… contaminazioni

Posted by redazione su 31 Maggio, 2010

L’organizzazione Librerie Feltrinelli di Caserta, Corso Trieste, 154, invita alla vernice del pittore Gerardo Del Prete e l’ambientazione musicale di Dolly Dixie Jazz Band: Pasquale Posillipo (clarinetto), Tanya Amendola (piano), Luigi di Bernardo (drums), Franco Izzo (trombone), Banny Brignola (trumpet), Pietro Natale (tuba).
Brani: Old jazz New Orleans; Original one step; Basin street blues; The jazz me blues; Royal garden blues; Washington and lee swing; The inn battle; When the Saint Go Marching In; Cheries salutes.
Ecco come parla di questa sua esperienza l’Autore: “L’allestimento, la realizzazione di una mostra richiede un lavoro che io ho sempre definito da “sisifo”. Mi compete la responsabilità principale e la possibilità di realizzare la miglior condizione ove so di non essere mai solo. Collaborazioni, previste ed impreviste sono immancabili nei miei allestimenti e mi risollevano quindi da questo magone, centrando, tutti gli obiettivi e rendendo l’evento eccezionale. L’apparente leggerezza e l’umore brillante (a volte di divertimento), che investe le prime operazioni quale l’acquisto degli strumenti e materiali di lavoro; la lettura e gli approfondimenti dei temi trattati, hanno un che di religioso e mi ritrovano in simbiosi con i fornitori. Eccitazione, ansia, e volontà di realizzazioni, affascinanti e puntigliosi sono comuni. L’ambiente di lavoro domestico, sembra rimettersi alla volontà operativa e si abbandona anche in stati di disordine indescrivibile con un alibi di tolleranza illimitata. Sono quindi preoccupato di chi mi accoglie nell’allestimento e di ulteriori rischi nel rovinare o danneggiare l’ambiente. Alla fine come in tutto il vissuto gli accadimenti si chiudono e si traggono le cifre sul realizzato; una moltitudine di persone ha reso possibile l’incanto della mostra: mia moglie e i miei figli, i fornitori di materiali (spesso i colorai) curiosi ed affettuosi, il direttore della libreria, amici della fotografia, musicisti, attori che offrono disinteressatamente collaborazione, gli stessi addetti alla tipografia e gli immancabili ospiti in mostra.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: